Lungarno 23 - Pollo Valdarnese
Untitled Document
Lungarno 23
 

IL VINO "FOGLIA TONDA"


UN VITIGNO VINIFICATO IN PUREZZA
SENZA SOLFITI, NON FILTRATO
CHE MATURA IN GIARE DI TERRACOTTA

Il vino "Foglia Tonda" della Tenuta San Martino

Un vino rosso che racconta il nostro territorio. Un antico vitigno autoctono chiamato Foglia Tonda, vinificato e affinato unicamente in giare di terracotta naturale, la cui argilla proviene soltanto da una ristretta area di Impruneta (Firenze).

In Toscana solo due aziende vinificano il Foglia Tonda in purezza e solamente la Tenuta San Martino lo vinifica interamente in giare di terracotta naturali.

Vino senza solfiti non filtrato

Uve che nascono, crescono, maturano in terreni adatti a loro, dove sono state scoperte prima e recuperate poi, uve che vengono raccolte e vinificate dentro terracotta lavorata a mano e creata con la stessa terra in cui č cresciuta la pianta.
Non abbiano aggiunto nulla, solo l'amore per i frutti che la nostra terra ci dona.

Il Foglia Tonda č un interessante vitigno a bacca rossa del germoplasma autoctono toscano. Anche se non si hanno elementi certi sull'origine, Di Rovasenda (1877) cita questo vitigno segnalando di averlo trovato nei vigneti del Barone Ricasoli presso il Castello di Brolio a Gaiole in Chianti. Breviglieri e Casini (1964) descrivono il Foglia Tonda rinvenuto nel Chianti nella zona di Arceno - 12.000 barbatelle di Foglia Tonda, ritrovate e coltivate a "cordone speronato", con produzione delle uve di 60 q. per ettaro, vinificate in purezza -.

Le giare utilizzate per la vinificazione del Foglia Tonda Tenuta San Martino sono realizzate a mano con terra proveniente da Impruneta (Firenze), a pochi chilometri dalla Tenuta e cotte da un'antica fornace del luogo.

Lo stretto legame tra vino, terracotta e territorio, si ritrova nella straordinaria capacitā di isolamento termico della terracotta di Impruneta, che grazie alle speciali caratteristiche fisico-chimiche, permette una perfetta conservazione del vino e una giusta ossigenazione dovuta al fatto che la terracotta non č rivestita al suo interno ma lasciata "a crudo".